08

Maggio

Zanzanù. Il bandito del Lago

di Giovanni Florio

Anno del Signore 1602: la Riviera di Salò è il Far West della Serenissima. Feroci banditi e spietati cacciatori di taglie si affrontano sotto gli occhi impotenti delle autorità veneziane. Ciurme di contrabbandieri solcano il Garda trasportando ogni genere di uomini e di merci. Nell’entroterra, bravi e disertori proteggono possidenti senza scrupoli e le loro proprietà. E poi, faide: antichi conflitti separano le famiglie dei mercanti inondando di sangue le acque del Lago. Il Garda è una polveriera pronta ad esplodere. Su questo sfondo si staglia la vicenda di Giovanni Beatrice, detto Zanzanù: il dramma di un uomo divenuto bandito per aver difeso il proprio nome, assassino per aver vendicato l’ignobile omicidio del padre, fuorilegge per essersi opposto ad una giustizia pronta a tutto.

L’Archibugio è carico, e pronto a raccontarvi questa storia: la storia realmente accaduta di Zanzanù, il bandito del Lago.

con: Giuseppe Balduino, Gianluca Beltrando, Giovanni Florio, Alessandro “Max” Lazzari, Umberto Peroni, Lorenza Rizzato, Claudia Schiavoi, Martina Sorace e Cristian Zorzi

e con l’amichevole partecipazione di Marco Mattiazzo e Leonardo Tosini

Testo e regia di Giovanni Florio a partire dagli studi del Prof. Claudio Povolo
Manipolazioni audio a cura di Riccardo Fontana
Luci: Paolo Meneghello

Scrivono di noi

ORA NEI TEATRI

COMPAGNIA

Dieci anni sul palco.
E abbiamo ancora tante storie da raccontare.

CALENDARIO

Dove saremo e dove siamo stati.
Scopri la replica più vicina a te.

CONTATTI

Chiamaci, scrivici, cliccaci.
Oppure, vieni a trovarci!